Un articolo pubblicato giovedì 24 settembre sul Madison Catholic Herald, il sito della Diocesi di Madison, in Wisconsin, Stati Uniti, ci ha colpito e riempito di orgoglio.
Procediamo per gradi. L’articolo,  annunciava che la Parrocchia di Santa Maria Goretti a Medison sarà uno dei 50 siti e più che negli Stati Uniti ospiteranno le reliquie maggiori del suo santo patrono, nell’ambito del “Pellegrinaggio della Misericordia: Il Tour delle Reliquie Maggiori di Santa Maria Goretti“. Oltre a fornire tutti i dettagli dell’esposizione che si terra fra il 16 e il 17 Ottobre, il 16 ricorrerà il 125 ° compleanno della piccola Santa Marchigiana, l’articolo sottolineava come Maria sia una santa molto popolare e questa è la prima volta che il suo corpo si reca negli Stati Uniti e solo la seconda volta che lascia l’Italia. Il pensiero che questa bimba poverissima che aveva conosciuto solo miseria e fatica, che si era dovuta muovere da casa per necessità e non per piacere, oggi sia in viaggio verso gli Stati Uniti con un’enorme missione, suscita commozione, ma anche orgoglio come marchigiani. Ora vi spieghiamo perché.

L’articolo ci ricorda i fatti salienti della vita di Maria che con i suoi 11 anni di età è la Santa più giovane fra i santi canonizzati dalla Chiesa cattolica. Noi lo avevamo fatto in un altro che si occupava del suo lato eroico. Procede, poi, segnalandoci che il tour arriva sulla scia della proclamazione papale di un Anno Santo straordinario della Misericordia che inizierà l’8 dicembre.
Il motivo di orgoglio è che, (lo afferma l’articolo Americano), questa visita delle reliquie maggiori di Santa Maria Goretti è lo sforzo da parte della Congregazione delle Cause dei Santi, la Basilica Pontificia e del Tesoro della Chiesa per preparare e catechizzare gli Stati Uniti per questa grande festa nella vita della Chiesa.

Ci pensate? Una santa bambina Marchigiana scelta per sciogliere i cuori di una nazione immensa.
I resti di S. Maria sono all’interno di una teca di vetro. All’interno c’è la statua di cera, che contiene i suoi resti scheletrici.
Il corpo di S. Maria non è incorrotto e nessuna delle sacre spoglie sono visibili. Tuttavia, lo scheletro è completo, salvo piccole quantità di osso che sono state collocate in teche, e il suo braccio destro, che è stato donato dalla madre alla Chiesa di San Nicola (ora conosciuto come il Santuario di S. Maria Goretti) nella sua città natale di Corinaldo. E ‘stato con il braccio destro che Maria ha difeso la sua purezza e ha impedito ad Alessandro Serenelli di violentarla.

Il tour prevede tappe in 20 stati, in parrocchie, scuole e prigioni. Ogni esposizione comprenderà presentazioni continuate sulla vita e le virtù di Santa Maria Goretti, base catechistica e spirituale per la venerazione delle sue spoglie.
L’articolo ci assicura che Dio si è sempre manifestato in queste esposizioni “Ci sono sempre state guarigioni in ciascuna di esse.” “I partecipanti hanno riferito di cancro, malattie cardiache, tumori, osteoporosi, deformità fisiche, ecc, scomparse immediatamente e completamente”. Anche se un gran numero di miracoli hanno riguardato lo stato fisico (www.treasuresofthechurch.com ne elenca alcuni), ammette che la più spettacolare è la guarigione di fede, quando una nuova e più profonda relazione con Dio e coi suoi santi si forma nei fedeli.

Per chi volesse recarsi al Santuario di S. Maria Goretti Corinaldo, forniamo le indicazioni in mappa.

Risorse in Mappa